.:: Unionfiliere ::.


Home » Approfondimenti filiere del made in Italy » FAQ » Il Servizio di Osservatorio Fieristico

Il Servizio di Osservatorio Fieristico

  • Quali documento occorrono?

E' necessario che il ricorrente alleghi alla richiesta di ricorso una documentazione attestante la propria titolarità sui prodotti in oggetto, con particolare riferimento alla possibilità di individuare una sicura data di attribuzione.
In tal senso il ricorrente può presentare:

  1. deposito per brevetto di modello ornamentale, se ne è in possesso;
  2. pubblicità e/o redazionali pubblicati su riviste;
  3. foto con data certa (ad esempio, carnet di esportazione, fotografie eseguite durante eventi fieristici o promozionali);
  4. quant'altro rappresenti i prodotti abbinati ad una datazione sicura e non manipolabile.

 

  • Qual e’ l’itinerario del ricorso?

Il Coordinatore del Giurì accoglie il ricorso ed unitamente ai membri, con i quali costituisce il Comitato di Accertamento, effettua un raffronto fra i prodotti, che vengono richiesti in originale alle parti, e prosegue il ricorso con le seguenti possibilità:

  1. Il Giurì conferma la validità delle istanze del ricorrente e riconosce l'imitazione.
    • Cerca allora di determinare una data certa dei pezzi, offrendo alla controparte il tempo utile (pur nei limiti della durata della fiera) al reperimento di documentazione a proprio sostegno.
    • Se l'anteriorità del prodotto del ricorrente è confermata, la controparte è soggetta a sanzione.
    • Se l'anteriorità del prodotto del ricorrente non è confermata, il ricorso si conclude senza alcuna sanzione per la controparte.
  2. Il Giurì non conferma la validità delle istanze del ricorrente, e non riconosce l'imitazione.
  3. Il ricorso si conclude poiché non sussistono elementi tali da richiedere ulteriori accertamenti di datazione.
  • Come si conclude il ricorso?

Ogni ricorso si conclude sempre con un rapporto e/o parere scritto del Giurì, consegnato in copia al ricorrente, alla controparte e alla Direzione della fiera.

  • In cosa consiste l’eventuale sanzione?

La sanzione eventualmente applicata alla controparte consiste nella richiesta di rimozione dalla vetrina e dalla vendita in fiera dei prodotti oggetto del ricorso.

  • Cosa avviene in caso di sanzioni reiterate?

In caso di sanzioni reiterate per tre volte nel corso di più edizioni della fiera, il nominativo dell'azienda sanzionata è sottoposto alla Direzione della fiera stessa che può, a sua discrezione e per sua scelta, decidere di applicare ulteriori provvedimenti.

  • Quando lo si puo’ utilizzare?

Il Giurì può intervenire solo per controversie fra espositori.
Se un'azienda espositrice vede esposti, nella vetrina dello stand di un'altra azienda, uno o più prodotti che reputa imitativi dei propri e con questi confondibili, essa può appellarsi al Giurì affinché esprima un parere ed applichi un'eventuale sanzione.

  • Come si puo’ accedere al servizio di osservatorio?

E’ molto semplice. Basta recarsi presso l'ufficio del Giurì in Fiera, compilare un modulo di richiesta di ricorso ed attendere il responso del Giurì a conclusione dell'istruttoria.

  • Chi puo’ usufruire del servizio?

Tutti gli espositori e co-espositori della fiera, avendo riconosciuto ed accettato, nel regolamento di adesione alla manifestazione, la clausola specifica riguardante l'operato del Giurì.

  • Dove si svolge?

Nelle più importanti fiere orafe. Queste ospitano lo sportello e l'ufficio del Giurì del Design Orafo, operante durante le giornate della manifestazione.

  • Come lo trovo?

Per conoscerne la posizione e gli orari, è sufficiente consultare il catalogo espositori o telefonare alla segreteria della manifestazione.

Data di pubblicazione: 30/08/2013 13:02
Data di aggiornamento: 30/08/2013 13:08