.:: Unionfiliere ::.


Home » Approfondimenti filiere del made in Italy » FAQ » La "certificazione di lotto" e Il "Marchio di saggio facoltativo"

La "certificazione di lotto" e Il "Marchio di saggio facoltativo"

  • Perche’ richiedere la certificazione di lotto?

Per garantire il proprio prodotto o su richiesta del Cliente, l’impresa dichiarando di conoscere ed accettare il rischio di un eventuale danneggiamento che potrebbe derivarne ad alcuni oggetti campionati, può richiedere ad un laboratorio abilitato di verificare, mediante analisi, la conformità dei requisiti previsti dalla vigente normativa in materia di titoli e marchi d’identificazione, dei metalli preziosi del singolo lotto di merce pronto per la commercializzazione.

  • Cosa avviene al termine delle operazioni di verifica?

Terminate positivamente le attività tecniche di verifica, si provvede, a scelta dell’impresa, alla certificazione del lotto o all’apposizione dello speciale marchio del saggio facoltativo, di cui all’art. 13 del D. Lgs. N. 251/1999, su ogni prodotto.

  • Viene rilasciato un certificato di garanzia?

Sì. Il laboratorio provvede a redigere il certificato di garanzia del lotto di oggetti che riporta i riferimenti dei certificati di analisi e del lotto esaminato (titolo impresso sugli oggetti, peso, titolo riscontrato). Il laboratorio provvede, quindi, a sigillare il lotto con all’interno il certificato di garanzia e a riconsegnarlo all’impresa per la spedizione.

  • Quali sono i vantaggi della certificazione di lotto?

Il cliente finale (importatore o grossista) avrà alla consegna un lotto il cui titolo sarà certificato da un laboratorio ufficiale di terza parte, abilitato per legge a svolgere questa attività.
Cosa prevede il “marchio di saggio facoltativo”
L’impresa provvede, sotto il diretto controllo del personale del laboratorio e con le attrezzature messe a disposizione dallo stesso, ad apporre su tutti gli oggetti del lotto il Marchio del saggio facoltativo. Questo marchio è identificativo del Laboratorio ed è al momento accettato dalla Francia come equivalente ai controlli effettuati dalla Garantie.

 

  • Da chi sono riconosciute all’estero le attivita’ di certificazione e garanzia?

Le attività di certificazione e di garanzia sono, a tutt’oggi, riconosciute da diversi Paesi Europei (Francia, Russia, Slovenia, Croazia, ecc.) e da alcuni importanti distributori.

  • Quali vantaggi offrono?

La certificazione del lotto e, ancor più, l’apposizione dello speciale marchio del saggio facoltativo, possono facilitare l’esportazione dei prodotti verso quei Paesi che richiedono un controllo da parte di un organismo terzo prima della loro immissione sul mercato (c.d. Paesi Hallmarking).

  • Quali servizi aggiuntivi forniscono i laboratori metalli preziosi delle camere di commercio?

I Laboratori Metalli Preziosi delle Camere di Commercio forniscono alle imprese di produzione ulteriori servizi analitici:

  1. analisi del titolo sulle materie prime, semilavorati, prodotti finiti;
  2. analisi su sfridi, residui di lavorazione, ceneri d’oreficeria;
  3. rapporti di Prova certificati secondo norme ISO/EN/UNI.

Oltre a quanto sopra descritto, ogni laboratorio può decidere di affiancare al rilascio delle certificazioni aggiuntive, altre azioni collegate a marchi di qualità e/o territoriali, nati anche per iniziativa di associazioni, al fine di identificare peculiarità tecnico-realizzative legate alla realtà produttiva e alla tradizione orafa del territorio d’appartenenza.

  • Esiste un comparto analogo per le pietre preziose?

L’Azienda CISGEM della Camera di Commercio di Milano, oltre al Settore Metalli Preziosi, ha un Settore Diamanti e un Settore Materiali Gemmologici che, dal 1966 operano su scala nazionale per dare al Settore un servizio altamente specializzato a livello internazionale.

Data di pubblicazione: 30/08/2013 12:50
Data di aggiornamento: 30/08/2013 14:39