.:: Unionfiliere ::.


Home » Approfondimenti filiere del made in Italy » Tutela del design » Design e deposito preventivo telematico

Design e deposito preventivo telematico

SINTESI DEL PROGETTO “DEPOSITO PREVENTIVO TELEMATICO DEI PROGETTI ORAFI”

depositopreventivo@vi.legalmail.camcom.it

1. Premessa e scopo
L’art. 4 del Codice di Autodisciplina del Design di Assicor prevede “Al fine di precostituire elementi probatori da far valere contro i comportamenti descritti negli artt. 1 e 2, è istituito il deposito del design presso l’Ufficio di Segreteria del Giurì, secondo le modalità previste dal Regolamento di attuazione. Il deposito può avvenire anche per via telematica (…)".
Scopo del presente progetto, realizzato dalla Camera di Commercio di Vicenza in collaborazione con Assicor, è quello di indicare le modalità operative del deposito telematico. Il progetto prevede, quindi, la gestione certificata del processo di trasmissione telematica e archiviazione di cartelle/files di disegno, di progetto, sia ornamentali che di utilità che contengano degli allegati (es. 3DS, 3DM, etc.) o semplici jpg, pdf accompagnati da un format di deposito "standard" che definisca il titolo del progetto, la tipologia e i vari allegati depositati.

2. Obiettivi
Obiettivo del progetto sarà quello di ricevere ed archiviare, garantendo la paternità e la data certa (data di presentazione) del progetto, attraverso l’utilizzo di alcune tecnologie correnti come: la firma digitale (CNS), la Posta Elettronica Certificata (PEC – Legalmail).

3. Modalità, tracciabilità e consultazione archivio
I files di progetto saranno firmati digitalmente e trasmessi al “Deposito Preventivo Telematico” utilizzando come vettore la Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo depositopreventivo@vi.legalmail.camcom.it
La firma digitale garantirà la provenienza e l'integrità del file di progetto.
La PEC fornirà la garanzia dell’invio e della ricezione dei documenti informatici (files di progetto) nonché la tracciabilità dei medesimi.
La gestione delle cartelle di progetto trasmessi al “Deposito Preventivo Telematico” avverrà all’interno della propria casella di PEC che potrà essere organizzata anche nell’area dello storico.
E’ prevista anche l’acquisizione diretta dei files di progetto presentati su supporto ottico, soprattutto nel caso di files di grandissime dimensioni.

4. Le Tecnologie a disposizione

4.1 Strumenti di base necessari:

La firma digitale: verrà utilizzata la CNS (Carta Nazionale dei Servizi) gestita da InfoCamere per conto del Sistema Camerale.
La firma digitale permette di firmare un qualunque tipo di documento elettronico attestandone la validità, la veridicità e la paternità.

La Posta Elettronica Certificata: sarà lo strumento di trasmissione (vettore). Esso è fornito da Infocamere ed è denominato Legalmail.
La PEC fornirà la garanzia della validità della trasmissione; della consegna del messaggio e della integrità della trasmissione dei documenti informatici.
(Codice dell'Amministrazione Digitale: Decreto Legislativo 7 marzo 2005 n° 82).
La spedizione a mezzo PEC ha valore legale alla pari di una raccomandata con avviso di ricevimento. Inoltre la ricevuta di consegna del gestore del destinatario è una prova non solo dell’invio ma anche del contenuto.

Legalmail con funzione di storico: consente di mantenere un archivio storico dei messaggi e delle ricevute marcate dal gestore PEC.

La marcatura temporale, data e ora certi: Il servizio di marcatura temporale di un documento informatico, consiste nella generazione, da parte di una Terza Parte Fidata, di una firma digitale del documento (anche aggiuntiva rispetto a quella del sottoscrittore) cui è associata l'informazione relativa ad una data e ad un'ora certa. Un file marcato temporalmente ha estensione .m7m: al suo interno contiene il documento del quale si è chiesta la validazione temporale e la marca emessa dall'Ente Certificatore InfoCamere.

L’archivio generale vero e proprio (cd. Di Deposito Preventivo Telematico) sarà tenuto da InfoCamere per conto della Camera di Commercio su piattaforme informatiche appositamente costituite. In tale archivio (data base) i files di progetto saranno conservati in modalità sicura ed a norma.

4.2 Strumenti opzionali:

Espansione spazio casella PEC di altri 100 MB. E' possibile accrescere la dimensione della propria casella di posta certificata (100 MB di dimensione standard) acquistando ulteriori blocchi da 100MB. La dimensione massima che la singola casella può raggiungere, acquistando pacchetti successivi, è pari a quasi un Gigabyte (1.000MB circa).

Archivio Storico PEC. La normativa impone di tenere traccia (log) per 30 mesi dei messaggi in entrata ed uscita dalla caselle di Posta Elettronica Certificata.
Tale obbligo non si estende al contenuto dei messaggi pertanto, dato il loro valore, InfoCamere mette a disposizione degli utenti il servizio aggiuntivo di salvataggio automatico sicuro dei messaggi, dei loro allegati e delle ricevute. Il servizio viene offerto in modalità remota: i messaggi archiviati sono depositati presso i Data Center di InfoCamere.
L’utente, attraverso Webmail, può configurare le diverse opzioni di salvataggio che permettono di coprire qualsiasi esigenza di archiviazione:

  • tutte le ricevute o alcune tipologie (ad esempio solo le ricevute di accettazione o solo le ricevute di messaggi inviati ad un destinatario certificato);
  • tutti i messaggi in entrata e uscita o alcune tipologie specifiche (ad esempio solo quelli certificati, solo quelli in uscita, ecc);
  • tutte le ricevute o alcune tipologie (ad esempio solo le ricevute di accettazione o solo le ricevute di consegna);
  • i messaggi inviati ad un destinatario certificato;
  • i messaggi inviati a destinatari non certificati.

E' possibile scegliere una combinazione fra le diverse tipologie e modificare nel tempo la combinazione dei nuovi messaggi da salvare. Tutti i messaggi archiviati possono essere ricercati (utilizzando un'ampia gamma di parametri) e cancellati.

5. Durata e costi dell'archiviazione

L’archiviazione è garantita dallo storico (ricevute di consegna PEC) in quanto la busta è marcata dal gestore PEC.

Dal momento in cui arriva la richiesta il deposito verrà protocollato e farà fede la data di spedizione.

Costi start up strumenti di base

1 CNS 25,00 diritti segreteria - durata supporto sei anni
2 Lettore CNS 31,20 iva compresa
  Totale 56,20  

NB: La Carta Nazionale dei Servizi ha una validità di sei anni e viene emessa e consegnata con due certificati digitali che hanno una validità triennale. Pertanto entro la scadenza del terzo anno bisogna rinnovare il certificato di sottoscrizione il cui costo è di € 7,80.

Costi casella PEC

1 CNS 25,00 diritti segreteria - durata supporto sei anni
2 Lettore CNS 31,20 iva compresa
  Totale 56,20  

Costo di deposito preventivo (spedizione al Deposito Preventivo Telematico)

1 CNS 25,00 diritti segreteria - durata supporto sei anni
2 Lettore CNS 31,20 iva compresa
  Totale 56,20  

Costo annuale di Deposito Preventivo Telematico (conservazione in archivio)

1 CNS 25,00 diritti segreteria - durata supporto sei anni
2 Lettore CNS 31,20 iva compresa
  Totale 56,20  

Costo triennale rinnovo certificato sottoscrizione

1 CNS 25,00 diritti segreteria - durata supporto sei anni
2 Lettore CNS 31,20 iva compresa
  Totale 56,20  

Costi Strumenti opzionali

1 CNS 25,00 diritti segreteria - durata supporto sei anni
2 Lettore CNS 31,20 iva compresa
  Totale 56,20  

Le marche temporali si acquistano sul negozio on line di InfoCamere www.card.infocamere.it
Il listino dei servizi è soggetto ad eventuale aggiornamento dei costi da parte del gestore (Infocamere)
Per ulteriori informazioni:
http://www.vi.camcom.it/a_197_IT_1545_1.html 

 

Data di pubblicazione: 30/08/2013 11:12
Data di aggiornamento: 30/08/2013 11:31