.:: Unionfiliere ::.


Home » Approfondimenti filiere del made in Italy » FAQ » Assistenza del Giurì per arbitrati e conciliazioni presso le Camere di Commercio

Assistenza del Giurì per arbitrati e conciliazioni presso le Camere di Commercio

  • Quanti sono i parametri?

Numerosi, ed in costante integrazione. Il Giurì, pur nella rapidità di giudizio che gli è richiesta, prende in esame molte componenti nel confrontare due prodotti orafi, e ne integra costantemente e in modo dinamico i criteri di valutazione, analizzando i trend della produzione e del mercato e confrontandosi con gli aggiornamenti della normativa europea in materia.

  • Quali sono i parametri di confronto?
  • Dimensioni/proporzioni delll'oggetto.
  • Aspetto cromatico e finiture superficiali dei materiali usati.
  • Caratteristiche tecnico/realizzative, quando incidono in modo particolare e pregnante sull'estetica dell'oggetto.
  • Fonti comuni d'ispirazione quali:
    • temi e stili storici del design orafo
    • forme appartenenti al pubblico dominio, distinte in:
    • forme provenienti dal mondo naturale
    • forme appartenenti al patrimonio culturale
  • Datazione dell'idea creativa, del progetto e della sua manifestazione

Altri criteri che potranno di volta in volta essere segnalati come opportuni nella valutazione del singolo caso.

  • Che valore assume il parere espresso dal giuri’?

Le decisioni espresse dal Giurì, ed in particolare i pareri emanati dal Comitato di Accertamento durante il Servizio di Osservatorio Fieristico, sono insindacabili.
Le parti che s'impegnano a risolvere una controversia presso il Giurì, ne accettano integralmente il Codice di Autodisciplina ed il Regolamento di attuazione, riconoscendo al Giurì stesso ed ai suoi membri autorevolezza d'analisi e di giudizio.

  • In cosa consiste l’assistenza del giuri’ per arbitrati e conciliazioni?

E' la consulenza che il Giurì del Design Orafo può fornire, su richiesta e nell'ambito delle sue competenze di settore, agli Sportelli di Conciliazione e alle Camere Arbitrali istituiti presso le Camere di Commercio delle principali città italiane, in casi di controversie aventi per oggetto il design orafo.

  • Qual e’ il significato dell’assistenza del giuri’

- Attivare il preciso e diretto rapporto che il Giurì, in quanto organo di Assicor, vuole promuovere e mantenere col mondo camerale.
- Mettere a disposizione delle Camere di Commercio, e quindi degli utenti, la professionalità specifica dei membri del Giurì e la loro esperienza nella tutela della creatività.
- Garantire omogeneità d'intenti e coerenza di giudizio e di valutazione in ogni controversia avente per oggetto il design orafo, riconoscendo il Giurì come punto di  riferimento e fonte di letteratura in materia.

  • Come si attiva?

Sono le Camere di Commercio a richiedere la consulenza di uno o più membri del Giurì che possono, a seconda dei casi:
intervenire come riconosciuti esperti di settore per analisi e valutazioni specifiche sul design e/o i prodotti orafi contestati;
essere convocati come componenti della Commissione Arbitrale eventualmente nominata dalla Camera di Commercio richiedente.

  • Che cosa sono i criteri, parametri e termini di confronto nei pareri del giurì?

Sono i diversi elementi che il Giurì osserva, valuta e confronta quando gli è sottoposta una controversia in materia di design, e che pertanto informano il parere finale che il Giurì emette.

  • Quali sono i principi generali di analisi?

- Esaminare le caratteristiche estetiche e l'impatto visivo globale dello/degli oggetti confrontati, indipendentemente dalle tecniche di realizzazione, a meno che queste ultime non influiscano in maniera determinante sull'estetica.
- Valutare il rischio di confusione nel mercato e nei consumatori, con particolare riferimento all'eventuale ambiguità nell'attribuzione di un prodotto ad un'azienda o ad un'altra.
- Stimare la congruenza e l'attendibilità della documentazione consegnata a corredo dalle parti in causa.

Data di pubblicazione: 30/08/2013 14:31
Data di aggiornamento: 30/08/2013 14:36